Paladin

#UseThingsBetter. Questo è il motto di Paladin, la prima app italiana per il noleggio diretto di oggetti tra privati.

Quante volte capita di avere oggetti inutilizzati o sottoutilizzati in casa? Quante volte vi servirebbe un prodotto per un solo evento, per un fine settimana oppure una vacanza, ma non volete comprarlo perché la spesa appare eccessiva?

Paladin, che mira a cambiare le modalità di consumo e creare un’economia migliore attraverso la condivisione, è la soluzione.

Con le prime due native App Mobile sviluppate su iOS e Android, è presente a Milano e Berlino. A poche settimane dal lancio si contano già più di 1.000 prodotti caricati sull’App e oltre 500 utenti iscritti.

Il funzionamento di Paladin è molto semplice: basta inserire il prezzo dell’oggetto per giorno e stabilire una cauzione, chattare con la persona interessata per fissare l’incontro in cui avviene lo scambio, infine vedersi di nuovo per la restituzione e la conclusione del prestito.

I più pigri possono anche spedire gli oggetti allo staff di Paladin, che provvederà a inserirli sull’App. Lo scambio avviene in tutta sicurezza tramite carta di credito: i soldi arriveranno direttamente sul conto corrente del prestatore. Grazie alla cauzione, chi noleggia l’oggetto non dovrà preoccuparsi di eventuali danni o smarrimenti.

Paladin fa incontrare due esigenze e i vantaggi sono reciproci. Senza dimenticare il valore sociale del prestito, in una logica antica quanto attuale di “buon vicinato”, e la riduzione dell’impatto ambientale che una opzione di risparmio e condivisione comporta.

La scelta di Milano e Berlino quali città da cui avviare l’attività di Paladin non è casuale: le due metropoli sono pioniere della sharing economy in Europa. La prossima apertura sarà a Barcellona, un’altra città da sempre anticipatrice dei nuovi trend.

L’economia della collaborazione spopola: in poco tempo Airbnb, Uber, Task Rabbit sono divenuti dei colossi e hanno cambiato per sempre le nostre esistenze. Tra le aziende esistenti manca però una realtà dedicata alla condivisione di oggetti di medio-alto valore.

Paladin vuole affermarsi come leader in questo segmento, che secondo le stime di PWC vale 15 miliardi e salirà fino a 330 nel 2025. Il Peer-to-peer degli oggetti si calcola che crescerà del +37% all’anno. A questo giro di affari possono partecipare tutti, basta entrare nella mentalità che ogni oggetto di casa di cui non si ha immediato bisogno può diventare una fonte di guadagno.

Paladin è ideale per studenti, lavoratori fuori sede, expat o turisti. È pensato per i giovani, ma si rivolge a ogni tipo di utenza. Sull’app, e presto anche da browser, si possono trovare macchine fotografiche, trapani e altri utensili, borse, tavole da snowboard o altre attrezzature per lo sport e il tempo libero, piuttosto che abiti per le occasioni speciali. Ad ogni stagione l’elenco si rinnova con i prodotti più adatti al noleggio.

Con nuovi utenti e investitori Paladin, che ha il sostegno di diverse università milanesi, non potrà che crescere. E dare una mano alla grande rivoluzione sociale della condivisione.

Il team di Paladin è composto da Nico Fusco, Marc Ferrer e Alessandro Perinotto

Sito web: paladintrue.com.